lIl T.A.M. (Teatro-Arte in Movimento) nasce nel 1991 dai Laboratori che Massimo Ranieri ha condotto per diversi anni, basati sulla sua esperienza decennale di ricerca artistica e antropologica, di attività spettacolare e didattica, svolta sia in ambito nazionale che internazionale. Egli infatti dal 1978 al 1988 partecipa, in quanto parte dei nucleo fondatore insieme a Renato Cuocolo e Raffaella Rossellini del Teatro dell'IRAA (Istituto di Ricerche Antropologiche sull'Attore), a tutta l'intensa attività di ricerca, spettacolare e di conduzione di laboratori sia in Italia che all'estero svolta da tale compagnia (Australia, Sud America, India, Nord Africa, Italia e numerosi paesi europei).

E' anche ideatore, costruttore di scenografie e oggetti-sculture per tutti gli spettacoli realizzati. Per alcuni di essi ne compone anche le musiche eseguendole dal vivo. 

Inoltre tra le sue ulteriori molteplici esperienze significative vi sono gli incontri con Gerzy Grotowsky (Polonia) Il Living Theatre U.S.A. (Julian Beck) Teatro dell'invisibile Brasile (Augusto Boal) Teatro T. R.A. C. Venezuela Miguel Ponce.

Massimo Ranieri svolge inoltre un' intensa attività didattica e spettacolare in svariati contesti: presso il T.A.M., in luoghi tradizionalmente deputati al teatro e in altri differenti da esso. Tra questi vi sono: università, i centri di ricerca, i centri culturali, i centri diurni riabilitativicontesti urbani, contesti naturali all'aperto ecc. si segnalano tra questi la .School of Performing Arts di Adelaide in Australia, la Biennale des Arts du Geste in Francia, la Biennale del Teatro Sperimentale del Cairo, iI Teatro di Roma, 1'Università di Urbino, 1'Università Cattolica di Roma, Università di Cambridge G. Bretagna).

Il T.A.M., ha sempre avuto una particolare attenzione alle iniziative rivolte al territorio sia in ambito sociale, che artistico e culturale. I componenti del T.A.M. infatti oltre a condurre attività di ricerca, sperimentazione teatrale e realizzazione spettacolare al suo interno, applicano gli stessi principi, presso realtà culturali, artistiche e sociali diverse, conducendo dei laboratori di formazione dell'attore e attività di regia.

Elementi di poetica

Ricerca e applicazione di nuovi linguaggi teatrali:

nnnnnn

E' necessario uscire dai limiti che la parola “Teatroci impone, permettendo all’'Attore e al suo corpo di non relegare la propria esperienza ad un vissuto asettico-spettacolare, che limita l’esperienza dell'’Attore all’'apprendimento di tecniche adatte alla riproposizione di un modello espressivo preconfezionato.



Sede Operativa:



Centro Culturale Ditirambo

Via Federico Borromeo 75

Roma



 
MODELLI   ESPRESSIVI   IN   ESPANSIONE
  Site Map